Diario di un'italiana d'Africa

Coppie miste. Immigrazione. Islam…effetti collaterali!

Specchi

Lavoro con i bambini, con tutta la meraviglia e il tormento che questo comporta. Gestire una classe di venticinque bambini nel 2012 non è facile. Non riesco a rassegnarmi. Non riesco, dopo molti anni di lavoro come educatrice, ad accettare ciò che significa avere sei, sette o otto anni oggi. Chi sono questi bambini? Cosa sognano? Di cosa hanno paura? Purtroppo o per fortuna sono ancora legata ad un certo ideale di scuola e di educazione. In molti mi dicono che è tutto superato. Quel rispetto, quella sorta di pudore o paura verso gli insegnanti, superato. Questo garantismo latente e ipocrita che ci segue ovunque è solo l’alibi per non affrontare certe responsabilità ormai troppo impegnative per chi non è più abituato a soffrire. Già molti sono i miei dubbi  su queste generazioni ma le mie difese e le mie speranze si spezzano, si disintegrano miseramente quando dalle bocche di queste anime innocenti e ignare prendono forma i pregiudizi e la triste ignoranza dei loro genitori. Due bambini di otto anni si insultano a vicenda dicendosi: “ Negro! Ebreo! Musulmano che non sei altro!” Alla mia domanda su chi fossero gli ebrei mi viene risposto:” Quelli con il cappellino dietro la testa!”.  Non hanno idea di chi siano, di cosa facciano, di ciò in cui credono. Cosa hanno fatto questi ebrei? Cosa i negri? Cosa i musulmani? Se, nella loro sana e ingenua ignoranza, hanno percepito un’appartenenza religiosa o una razza come il peggiore insulto da poter fare a qualcuno, dobbiamo seriamente interrogarci su cosa la nostra società stia offrendo ai nostri ragazzi, su cosa diciamo nelle nostre case, a quali paure li stiamo abituando. In alcuni casi è molto difficile ritrovare l’entusiasmo e la speranza di dare qualcosa di diverso, è complicato insegnare qualcosa che risulta tanto lontano da ciò che per loro è la quotidianità, è casa. La mia preoccupazione non è forte solo in riferimento ai miei figli in quanto oggetti  passivi di tali pregiudizi ma altrettanto nella dimensione di soggetti attivi. Se li abituiamo a rapportarsi in un certo modo verso gli altri chiunque sarà suscettibile di razzismo, di insulti e pregiudizi. Gli obesi, i diversamente abili, i bassi, i gay, i neri, i cinesi, gli ebrei, i musulmani e tutti coloro che non rientrano nelle nostre categorie preferite. Siamo tanti, siamo diversi, non possiamo continuare a sperare di liberarci con qualche decreto di coloro che più ci disturbano, che fanno più fatica ad entrare nel grande cerchio del nostro “noi”. Continuo a credere che sia estremamente semplice ma, come spesso ci ostiniamo a fare, scegliamo il percorso più complesso per  arrivare alla soluzione giusta.  Attenzione ai nostri specchi, potremmo non avere più voglia di incrociarli.

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

Un pensiero su “Specchi

  1. alice70 in ha detto:

    condivido…
    in-segnare mia cara…e lasciamolo ‘sto segno…ho un piano per domani 😉

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: